Nel giardino segreto dei propositi …

Con qualche progetto al futuro per un primo dell’anno che si rispetti

Cari amici,
Auguro a voi tutti un anno 2017 pieno di gioia e serenità, ricco di soddisfazioni professionali, pervaso di buona salute e di energia. Che tutti i vostri progetti possano realizzarsi, tutti i vostri sogni avverarsi, tutte le vostre speranze esaudirsi.
Spero che i festeggiamenti di Natale e di Capodanno siano stati sereni e gioiosi, che li abbiate trascorsi in famiglia o con amici, a casa oppure in un viaggio. Oggi, 1° gennaio 2017, ci si riposa tranquillamente, come dopo una lieve sbornia, e si comincia a pensare a quello che ci aspetta. Si sotterra l’anno vecchio, e si accoglie quello nuovo. Si gira pagina, si cambia calendario, si inaugura la nuova agenda. Si fanno propositi per i giorni dell’anno che sono ancora giovani e freschi: 1/1/2017.

In questo editoriale, anziché elencarvi le leccornie degli ultimi banchetti, e i doni dati e ricevuti nelle ultime settimane, preferisco guardare al futuro e mettere in pratica un esercizio consueto e ormai consolidato per il primo dell’anno, ovvero quello di fare propositi per l’anno nuovo (è anche il titolo di un nostro stage intensivo sul futuro). Come ho già avuto occasione di spiegare ad alcuni di voi, il pro-posito, (con il suo prefisso PRO- che lo pro-ietta appunto nel futuro) è un misto tra una risoluzione e un pro-getto, una decisione presa e il pro-spetto futuro del modo di realizzarla.

Qualche esempio? L’avete sicuramente provato durante il corso di italiano: Nell’anno nuovo lavorerò di meno, Farò un bel viaggio, Andrò in palestra (o in piscina) più spesso, Telefonerò ogni settimana alla zia Marisa, Mi metterò a dieta (NOOOO! questo non è un bel proposito, scusate, mi è scappato ripensando al cenone di Capodanno), ecc.
Applicando la stessa sana abitudine ai propositi della scuola, possiamo azzardare: nell’anno 2017 Italia per passione proporrà più corsi intensivi, inaugurerà degli stage speciali per i bambini, comincerà a pubblicare qualche libro (un sogno nel cassetto), offrirà il primo corso sull’opera, cercherà di collaborare con altre istituzioni culturali, sostituirà tutte le lampadine bruciate delle lampade, comprerà un nuovo cavo perché i colori del proiettore non siano più gialli, e infine aumenterà i prezzi dei corsi (scherzo!). Come potete constatare, alcuni propositi sono veri e propri progetti, mentre altri assomigliano più a sogni e perché più difficilmente realizzabili – ma non utopie, che sarebbero molto meno plausibili… Qualche esempio?
Nell’anno 2017 Italia per passione acquisterà il palazzo che è in vendita in rue Geo Bernier per 2,5 milioni di euro e, d’ora in avanti, organizzerà i suoi corsi in grandi aule con stucchi, lampadari di cristallo e vetrate Liberty. I bambini degli stage scorrazzeranno nel giardino segreto e giocheranno a nascondino in italiano, le tavole di conversazione si terranno d’estate sotto il pergolato, ci sarà un bar discreto che offrirà aperitivi a tutti gli studenti, un buon caffè espresso colerà da una sorgente magica che scaturirà da una grotta. Ci sarà anche un piccolo teatro in stile un po’ antico con un’ottima acustica in cui ascolteremo i migliori interpreti di musica e di canto.

Sognare non costa nulla ma, per ritornare con i piedi in terra, per i propositi veri e propri, vi do appuntamento alla rubrica delle novità.
Augurandovi un eccellente anno 2017 e un buon mese di gennaio!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...