IL DIARIO DI BEN: 17 novembre

Ciao a tutte e tutti e bentrovati.

Come sapete, Ben e la sua banda sono alla ricerca di una spia che possa seguire i movimenti e i piani della banda de La Blonde e tenerli informati. Ma come si recluta una spia? E soprattutto, ci si può fidare della spia che si è scelta o sta facendo il triplo gioco?

6 Ottobre

L’idea di Léo è fantastica: trovare una spia per fare la spia e spiare cosa fa la Blonde e venire a dircelo. Ma come si trova una spia?

Karel dice che sono le spie che trovano te e non tu che trovi le spie. Léo dice che questo non aiuta molto e che bisogna far capire aux amis de la Blonde che cerchiamo des espions o des espionnes (che sono delle spie femmina in francese).

Ho chiesto a papà come si fa a trovare una spia, ma lui è inutile come al solito. Dice che in Italia le spie sono antipatiche e che nessuno vuole fare la spia. Invece Mum dice che in The United Kingdom spies are really cool. Se vuoi diventare uno 007, devi fare domanda all’MI6. Allora MI6 non esiste solo nei film di James Bond!! Da grande voglio fare la spia per the UK. Ma Mum dice che gli inglesi non si fidano di chi ha tre nazionalità come me. Non mi accetteranno mai perché sono italiano, British e belge.

Come fanno a fidarsi di me?

11 Ottobre

Magnus ha detto che il faut passer à l’action. E così si è messo a parlare con gli amici e le amiche de la Blonde e a chiedere chi voleva fare la spia. Poi ci siamo seduti tutti e quattro, io, Léo, Magnus e Karel, nelle toilettes puzzolenti e quelli che volevano fare la spia sono venuti a passare un test. Sono passate quattro persone: Tom che non poteva più tenersela e anche se les toilettes puzzano, ha dovuto andare in bagno. Poveretto!

Poi è passato Michel con Marc e hanno detto che volevano solo vedere quanto tempo potevamo stare nelle toilettes alla puzza e poi sono usciti ridendo. E poi è arrivata lei. La guardia del corpo de la Blonde. Malyka. Abbiamo tutti avuto paura perché Malyka è grande e grossa e quando picchia dà des giffles (degli schiaffi) che ti staccano la testa dal collo.

Magnus ha iniziato a correre verso la porta delle toilettes ma Malyka lo ha acchiappato per il collo de la veste e lo ha buttato contro il muro. “Vous cherchez une espionne?” ci ha chiesto. Noi abbiamo fatto segno di si con la testa perché non sapevamo se dovevamo scappare o no. Ma Malyka ha solo detto “Vous l’avez trouvée”. Noi ci siamo guardati senza capire.

E poi Malyka ha detto “J’ai toiujours voulu être espionne. Je suis votre espionne”. E a quel punto siamo tutti usciti dalle toilettes perché stavamo soffocando dalla puzza.

20 Ottobre

Da quando Malyka ha detto che era la nostra spia non è successo niente. Noi abbiamo troppa paura per andare a parlare con lei. E lei sta sempre con la Blonde.Mentre tornavamo a casa da scuola Malyka ci ha superati.

Poi si è fermata davanti a noi e ci ha detto: “Pas de nouveux plans de vous touer pour l’instant”. Questa è piuttosto una buona notizia. Almeno possiamo stare tranquilli per un po’ e se poi la Blonde decide invece di attaccarci Malyka ce lo dirà.

21 Ottobre

Devo scrivere quello che è successo oggi così mi potrò ricordare quanto era scema mia sorella quando sarò grande.

Tornavamo da scuola con Silvie, che è la nostra babysitter, e Laura-Ann parlava tutto il tempo come fa sempre.
Io pensavo che dovevo fare pipì e volevo arrivare a casa in fretta. Poi ho sentito Laura-Ann che diceva: “Je suis à moitié italienne, à moitié anglaise et à moitié belge”. E poi Silvie che rideva. E allora ho dovuto spiegare io a Laura-Ann che ci sono solo due metà e che non si puo’ essere metà italiana, metà inglese e metà belga e che doveva scegliere solo due metà.

E sapete cosa mi ha detto? Mi ha detto che a lei non importa niente di niente e che lei ha tre metà.
E poi si è messa a saltellare e Silvie continuava a ridere. Che nervoso che mi viene. Sono solo io che mi occupo dell’educazione di mia sorella!!

31 Ottobre

Et ce sont les congés de la Toussaint ! Una settimana di vacanza. I miei cugini in Italia hanno solo un giorno di vacanza e in più hanno i compiti delle vacanze. Ma che sfortunati che sono. In Belgio i compiti delle vacanze non esistono.

Come sono contento di non andare a scuola in Italia!!

E, come tutti gli anni, festeggiamo Halloween con gli Americans a Bruxelles. Per fortuna che ci sono loro perché i belgi non fanno niente per Halloween.

Quest’anno la mamma di August ha di nuovo organizzato un giro per Bruxelles a fare Trick or Treat tutti vestiti in maschera. Come sempre gli Americans hanno vinto su tutti. C’era un bébé vestito da hot-dog e un altro ancora in passeggino vestito da peacock (cos’è in italiano? Il pavone?). La mamma di August era vestita da drago. Tutta verde, con una pancia enorme e la coda. E il papà era vestito da giocatore di football americano dove si massacrano di botte più che al rugby. Quest’anno ha partecipato anche Karel. Ma non faceva paura a nessuno.

E poi, quando stavamo tornando a casa tranquillamente con le nostre zucche piene di dolcetti, abbiamo davvero avuto paura. Davanti a casa mia c’era Malyka con un’ascia in testa e gli occhi sanguinanti. Per un momento, Karel e io abbiamo pensato: adesso ci uccide! Poi per fortuna è arrivata anche sua mamma, che ha salutato tutti.

Ma mentre Malyka se ne andava, abbiamo visto i suoi occhi rossi di sangue che ci guardavano senza espressione.

Questa notte avrò gli incubi!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...